Rassegna Nazionale di Canti e Danze popolari “Città dell’Aquila”

Sabato 25 giugno, alle ore 18.30
presso lo splendido Chiostro di San Domenico – L’Aquila

7 rassegna festival canti e danze popolari

La Associazione Corale “Gran Sasso” organizza sabato 25 giugno, alle ore 18.30, presso lo splendido Chiostro di San Domenico la settima edizione della Rassegna Nazionale di Canti e Danze popolari “Città dell’Aquila”, una manifestazione che è un punto di riferimento per i migliori gruppi italiani del settore.

In questa speciale edizione che cade nel sessantennale della fondazione della Corale Gran Sasso ospiti sono due noti ed affermati gruppi folkloristici in campo internazionale: il Coro “Verrès” della cittadina di Verrès (Valle d’Aosta) e il Gruppo Folkloristico “Città dei Trulli” di Alberobello (BA).

Il primo è uno dei migliori cori maschili che condivide con la Corale aquilana i 60 anni di attività, il secondo è un gruppo antico, affermato che comprende numerosi giovani e che si impone sulla scena internazionale anche per l’organizzazione di un Festival rinomato nella storica città dei trulli.

Aprirà la serata la Corale Gran Sasso diretta da Carlo Mantini con alcuni brani del repertorio folkloristico aquilano ed abruzzese.

L’ingresso è libero.

Posted under festa popolare by admin on venerdì 24 giugno 2011 at 12:20

Santa Messa Solenne di domenica 19 giugno

L’AQUILA. La Corale Gran Sasso animerà la Santa Messa Solenne di domenica 19 giugno, alle ore 11,00 presso la Chiesa di San Pio X, nell’ambito delle celebrazioni organizzate dalla Parrocchia di San Pio X al Torrione.

Proprio domenica si concluderanno le tre giornate di festeggiamenti in onore di San Pio X e di Sant’Antonio da Padova, che hanno visto al partecipazione di molti gruppi corali e musicali sia cittadini che regionali, con presenza anche da fuori regione.

L’animazione liturgica da parte della Corale Gran Sasso in questa occasione è una parentesi polifonica sacra fra due momenti folkloristici, la presentazione del nuovo CD lo scorso 5 giugno e la prossima Rassegna Nazionale Canti e Danze Popolari “Città dell’Aquila” il 25 giugno.

Saranno eseguiti alcuni brani polifonici del repertorio a 4 voci miste (l’Ave Maria di Biebl programmata al momento della Comunione sarà a 7 voci), insieme a canti di devozione popolare con l’obiettivo di coinvolgere anche i fedeli e solennizzare tutti i momenti della Santa Messa (Ingresso Kyrie, Alleluja, Offertorio, Sanctus e Agnus Dei, Comunione e Fine).

Posted under Senza categoria by admin on sabato 18 giugno 2011 at 16:20

PRESENTAZIONE DEL NUOVO CD DELLA CORALE GRAN SASSO

loc-4-giugno

“Te vojio revete’…”

L’AQUILA – SALA S. PIO X (Torrione)
SABATO 4 GIUGNO 2011 – ORE 19

L’AQUILA. Sarà presentato in concerto a L’Aquila, sabato 4 giugno 2011 alle ore 19 presso la stessa Sala San Pio X al Torrione dove è stato registrato, il nuovo cd di canti popolari abruzzesi Te vojio revete’… che giunge in occasione del Sessantesimo anno di attività musicale della Corale Gran Sasso dell’Aquila (1951-2011), a distanza di 8 anni dall’ultimo lavoro discografico “J’Abbruzzu”.

Venti canti della tradizione popolare abruzzese elaborati per coro a voci miste dal fondatore e direttore della Corale Paolo Mantini e dal figlio musicista Carlo.
Ai canti popolari più conosciuti dell’area aquilana, si aggiungono alcuni canti abruzzesi di provenienze diverse (anche dell’area costiera) e alcuni brani nuovi e inediti, di poeti e compositori.
Il titolo non ha certo bisogno di essere spiegato: è il brano che in questi anni diventato un punto di riferimento per tutti gli aquilani, meglio conosciuto come “L’Aquila, bella me”, un canto legato alla tematica dell’emigrazione.
Il Cd è una esaltazione di tanti sentimenti legati alla vita quotidiana: la nostalgia del passato (Vola vola vola, Paese mè, E passe l’anne e passe); la contemplazione della natura e delle bellezze del paesaggio (J’Abbruzzu, Tramonto aquilano, Lu piante de le fojje, L’Acquabbelle, Tutte le funtanelle, Gran Sassu me, ’Na canzone a lu mare); le serenate e i canti nuziali (All’orte, A capa marite, Luna ’ncantate, La fija me); gli scenari festosi ascoltando la banda, il suono di una campana o le ricorrenze dedicate al Santo (La bbande di Zì’ Nico’, Din don, Ju Sant’Antoniu), il saltarello tipico (La savetarèlle).
Un solo brano non è in dialetto, ma in lingua italiana: Sacra montagna, composto da Carlo Mantini: è un canto di preghiera dedicato alla montagna, risultato vincitore al Festival Regionale “La Montagna…in Canto” nel 2008, Tornimparte (AQ).

Le registrazioni sono state effettuate in presa diretta nel mese di settembre 2011, curate e poi lavorate in mastering studio da Antonio Menga. Il lavoro di produzione e duplicazione è stato realizzato da Icarus snc L’Aquila.
Il progetto grafico è stato curato da Alfonso Marzano per Studio Idea Comunicazione di Roma.
Le foto a corredo sono state effettuate il 6 febbraio scorso, giorno in cui la Corale ha reso omaggio al suo fondatore Paolo Mantini, cui il Comune dell’Aquila ha intestato una via della città. Simbolicamente si è scelto di mettere in copertina Porta Leoni (all’epoca l’unica porta aperta della città) e per la foto centrale si è scelta la location del meraviglioso Chiostro di San Domenico, dove il 25 giugno prossimo la Corale organizzerà la 7.ma Rassegna Nazionale di Canti e Danze Popolari “città dell’Aquila”.

Il Cd è stato realizzato grazie all’aiuto di varie istituzioni, ma in particolare grazie al contributo straordinario dell’Assessorato alla Cultura del Comune dell’Aquila, alla Fondazione Carispaq e all’istituto di credito Carispaq che, di fatto, è stato l’unico “privato” che ha risposto ad oggi all’appello della Corale per questo progetto.

Il concerto di presentazione del CD sarà anticipato anche da un altro evento alle ore 17,30 nello stesso luogo: la presentazione del libro fotografico “Trecentonove… viaggio del cratere” di Angelo Antonio Liberati.

Fra gli ospiti della serata piace segnalare la presenza straordinaria di Bruno Peeters, Presidente del Comitato Internazionale Europeade che è in visita a L’Aquila in questi giorni.

Nulla si poteva realizzare senza la passione, i sacrifici, la volontà di tutti i coristi, dei musicisti e del M° Carlo Mantini…

L’Aquila, bella me…. Te vojio revete’…” questo il canto degli aquilani che dalla nostalgia dell’emigrante, la malinconia di chi ricorda la propria terra da dove è stato costretto a fuggire per trovare una nuova vita altrove, esprime oggi quel grido di sofferenza che non può restare troppo a lungo inascoltato, con l’obiettivo di farsi speranza concreta per il futuro.

Posted under la corale by admin on venerdì 3 giugno 2011 at 20:08